Benvenuti nel mio salotto virtuale, un luogo dove posso condividere le mie passioni con chi passa da qui. Si parla di piccole chicche quotidiane, di curiosità lontane e vicine, di storie locali e non solo. Mettetevi comodi e partiamo per un lungo viaggio.

martedì 13 luglio 2021

Un particolare video anni Ottanta

Non so quanti video musicali siano stati censurati, o quale sia il primissimo, ma ce n'è uno molto molto famoso degli anni ’80; fece scalpore per le immagini. Che cosa accadde esattamente? Mentre un ragazzo stava guardando il video, la madre gridò allo scandalo, perché era un videoclip musicale non adatto ai telespettatori del piccolo schermo, soprattutto quando chi lo guarda è un minore di anni 16. Esattamente, paragonò il videoclip a un film pornografico, perché mostrava seni e natiche ai quattro venti, massaggi, lotte e immagini hard gratuiti. Non ricordo esattamente quali furono i particolari della denuncia, in ogni caso, dopo questa lamentela, furono messi in piedi i primi passi della censura.

La canzone incriminata s’intitola “Girls on film” dei Duran Duran, e il gruppo realizzò due video, la prima è quella ufficiale, quello che conosciamo un po’ tutti definibile come “casto”, l'altro invece è quello vietato. Il video incriminato si riferisce alla versione lunga della canzone e fu lanciato, se non ricordo male, in un canale televisivo dedicato esclusivamente ai videoclip.  

Pertanto “Girls on film” dei Duran Duran è conosciuto come uno dei più eclatanti video vietato ai minori, pubblicato in un momento storico particolare per l’industria discografica, quando stavano nascendo videoclip per promuovere le canzoni e i gruppi. 

Sinceramente ho trovato delle difficoltà a scovare in rete il video inquisito, qualcuno è stato cancellato, e altri compaiono con delle “rigature” per porre l’accento sulla censura. Chissà, forse ancora oggi, come negli anni Ottanta, il video crea dei mal di pancia. Comunque la pensiate, a mio parere la denuncia riuscì a pubblicizzare il gruppo.

Se parliamo della canzone dal punto di vista musicale, recentemente il bassista dei DD ha pubblicato una breve lezione sul sound.

 


Se non ricordo male, oggi si festeggia il quarant’esimo anno dall’uscita del singolo “Girls on film”, il terzo estratto dal primo album del gruppo, quindi per festeggiare si può registrare nel Taccuino il video ufficiale:

 


Canzone versione lunga:


Scheda della canzone:

Titolo: Girls on film

Gruppo: Duran Duran

Album: Duran Duran

Lato B del vinile: Faster than light

Genere: new romantic, new wave

Anno: 13 luglio 1981

Durata: circa 3:30

  

Nel Taccuino ho registrato altre Voci sui DD:

New moon on monday

New religion

Night boat

Planet hearth

Lonely in yournightmare

Save a prayer

 

Questo è il link del video censurato che ho scovato in rete: www.dailymotion.com/video/x2z3opt 

mentre questo è l’altro video con le immagini oscurate: www.youtube.com/watch?v=cSLzGX_hsXg 

 

9 commenti:

  1. Al di là di ogni polemica sulla censura, la canzone è davvero bellissima. I Duran Duran sono sempre stati un grande gruppo. Comunque credo che tu abbia ragione, sicuramente la censura e tutta la polemica che nè è derivata, li ha aiutati e non poco. Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra i primi concerti e l'uscita del primo album, era nell'aria il successo del pezzo. E secondo il mio punto di vista la censura ha accelerato il tutto, perché la curiosità spinge le persone a conoscere i retroscena. Buon pomeriggio anche a te.

      Elimina
  2. Uno dei gruppi molto in voga in quegli anni, questo pezzo incriminato, tuttavia, non lo ricordo. Grazie a te per averne parlato.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il videoclip fece scalpore, e mi ha impressionato il fatto di non averlo trovato con tranquillità in rete.
      Buon proseguimento di serata.

      Elimina
    2. L'arte non si serve di un videoclip che non è nemmeno erotico, ma solo imbarazzante. E' solo una masturbazione mascherata.

      Elimina
    3. Se si parla di arte … l’arte ha diverse sfaccettature. Può indignare, turbare, possono sorgere dibattiti (in questo caso sulla mercificazione del corpo), ma non si può e non si deve censurare la creatività. In alcuni casi l’elemento base della censura è strettamente legato da questioni di tipo morale che nulla a che vedere con l’arte. Buona serata Gus.

      Elimina
  3. Innassia, io ho visto questo video:



    Duran Duran - The Chauffeur (Official Music Video)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai cassato l'altro video censurato. Sottovalutato quarant’anni fa e rivalutato col tempo. Ciao @Gus

      Elimina
    2. In fondo è maschilismo. E' sempre la donna la porcellona.

      Elimina