Benvenuti nel mio salotto virtuale, un luogo dove posso condividere le mie passioni con chi passa da qui. Si parla di piccole chicche quotidiane, di curiosità lontane e vicine, di storie locali e non solo. Mettetevi comodi e partiamo per un lungo viaggio.

domenica 22 marzo 2020

Revenant. Redivivo

Il film s’ispira a un fatto realmente accaduto tra la fine del settecento e gli inizi dell’ottocento, e il contenuto della storia raccontata risalta e centralizza una marea di riflessioni e deduzioni.
In ogni frammento, in ogni scena è palese la lotta per la sopravvivenza, un altro soggetto ben evidente  riguarda la vita estrema, e un altro aspetto che non sfugge è la liquidazione dei più deboli in nome della miseria intellettuale dell’uomo, capace solo di annullare il proprio simile nel segno della prevaricazione e del commercio. Un’altra argomentazione è la vendetta, la ritorsione contro chi si appropria dei frutti del proprio territorio, il tarlo fisso di eliminare i traditori e gli assassini, la ricerca di una giustizia privata, e la lotta continua per sfruttare ciò che la natura ci offre per continuare a vivere. E la violenza non divide le persone in buoni e cattivi, perché ognuno ha le proprie colpe, e il punto di nesso è l’intelligenza umana sempre pronta a elaborare il proprio tornaconto.


La storia raccontata è bruttale, animalesca, con scontri a corpo a corpo, con incredibili fughe a piedi e a cavallo in luoghi inospitali, dove emerge la caccia, una guerra tra il gatto e il topo, dove solo l’intelligenza è il miglior alleato dell’uomo.
La scelta del regista, quella di girare le scene con la luce naturale con scenografie mozzafiato, ha esaltato ulteriormente la crudeltà della storia in una natura aspra e incontaminata, ricca di paesaggi selvaggi, di montagne, di fiumi coperti di neve e ghiaccio.
Il copione è un altro elemento essenziale della pellicola, ben scritto con frasi brevi e ben lontano dai lunghi discorsi,  e il gioco delle parole scelte per ogni scena sono crude come gli ambienti, e al posto delle espressioni superflue subentra la Voce del corpo.
I lunghi silenzi dettati dall’assenza della parola in buona parte del film, sono ben sostenuti dalla recitazione degli attori, e dove tace l'uomo si esprime la natura con tutto il suo splendore e con tutta la sua crudeltà.
Magnifico Leonardo di Caprio che ha impersonato il personaggio principale con gli sguardi, i mugugni, ghigni facciali e con i movimenti crudi e selvaggi dell’intero corpo.
Spettacolare la recitazione di Tom Hardy: ancora una volta ha dimostrato la sua qualità di ottimo attore, e in alcune scene memorabili salta all’occhio la sua capacità di prendersi il ruolo di personaggio principale, sottraendolo al suo collega.
Un altro punto di forza è la colonna sonora scritta dal compositore Ryuichi Sakamoto, perché ogni nota si fonda in modo naturale con la crudeltà della storia.
Il film a tratti appare noioso per le lunghissime pause, e per chi ama il genere, si può considerare come un film leggendario.
Io lo considero un ottimo film e ben recitato.


Scheda del film
Titolo: Revenant-Redivivo
Regista: Alejandro González Iñárritu
Genere: biografico
Musiche: Ryuichi Sakamoto
Fotografia: Emanuel Lubezki
Montaggio: Stephen Mirrione
Anno: 2015
Durata: 156 min
Cast: Leonardo Di Caprio è il personaggio principale Hugh Glass, Tom Hardy è il collega John Fitzgerald.

Se vuoi vedere il trailer, segnalo un Link utile:
 www.youtube.com/watch?v=xrctuMnFDc4


2 commenti:

  1. Rivisto proprio l'altra sera, vero: ha di bello la natura, aspra e selvaggia, meravigliosa nei suoi spazi e silenzi.

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì Miki. Revenat è un film che non trasmettono spesso in tv e l’altro giorno ne ho approfittato. L’ho riguardato per alleggerire la testa e per riprendere le forze dopo l’ennesimo giorno caricato di notizie delicatissime.

      Elimina