Benvenuti nel mio salotto virtuale, un luogo dove posso condividere le mie passioni con chi passa da qui. Si parla di piccole chicche quotidiane, di curiosità lontane e vicine, di storie locali e non solo. Mettetevi comodi e partiamo per un lungo viaggio.

sabato 1 gennaio 2022

Epidemie e Guerre

Ogni epoca storica affronta drammi, lutti, tragedie, e ognuno è legato dallo stesso filo: capire nel più breve tempo possibile che cosa sta accadendo, arrancare ogni esperienza, aggrapparsi a ciò che si dispone, fuggire, salvarsi, tamponare le incompetenze. Ciò che lega i momenti drammatici di tipo sanitario è la non conoscenza, oltre alla paura, e leggendo ciò che accadde in passato, fanno venire i brividi per come non è mutata la reazione del genere umano difronte a ciò che appare e che non si conosce.

Il libro “Epidemie e guerre che hanno cambiato il corso della storia“ mi ha incollata alle pagine come non mai, e saltando da un’epidemia a un’altra paragonandoli al presente, mi ha fatto rabbrividire per come il genere umano gestì e continua a gestire virus e batteri. La riflessione è a trecentosessanta gradi, perché si analizzano dal punto di vista storico le pandemie e le conseguenze delle emergenze sanitarie in un periodo nel quale gli scienziati non avevano ancora scoperto i virus e i batteri. Ma loro c’erano con tutta la loro forza. E se aggiungiamo epidemie fuse con le guerre, non è necessario stimolare l’immaginazione del lettore.

Il libro analizza diverse epidemie prendendo in considerazione la gestione sotto diversi aspetti, e la base centrale va di pari passo con l’evoluzione delle guerre mettendo in risalto l’esito dei conflitti scoppiati in concomitanza con le epidemie.

Le epidemie e le guerre analizzate sono: la peste di Atene (430-426 a.C.) e la guerra del Peloponneso; la peste Antonina (165-180 a.C.) e le guerre di Marco Aurelio; la peste e le guerre di Giustiniano (542 d.C.); la peste nera del 1347-1350 e la guerra dei cento anni; la peste nera del Seicento con la Guerra dei trent’anni; infine l’influenza spagnola del 1918 e la Grande guerra.

Ogni epidemia si sviluppò contemporaneamente o a ridosso di efferate guerre; pertanto, il contagio influenzò l’esito dei conflitti capovolgendo le sorti di un’intera civiltà, determinando la contrazione, lo sviluppo o l’esito del conflitto. Di pari passo, le guerre influenzarono l’espandersi del contagio manovrando scelte politiche con aspetti drammatici di tipo sanitario ed economico.

Pertanto, le guerre e le epidemie si sono sempre influenzate a vicenda sia da scelte programmate e realizzate dall’uomo e sia da madre natura, e con la comparsa di nuovi virus si modificarono scelte belliche e strategie politiche, dissolvendo ambizioni imperiali, influenzando le invasioni o la ricostruzione di una regione o un intero Stato.

Ogni capitolo è scritto in modo lineare senza appesantire la lettura. Lettura da consigliare a tutti, soprattutto a chi intende conoscere l’evolversi delle epidemie in modo semplice.

 


Scheda del libro:

Titolo: Epidemie e guerre che hanno cambiato il corso della storia

Sottotitolo: Dalla peste di Atene alla grande influenza spagnola: come la diffusione delle pestilenze ha determinato l’esito dei conflitti e i destini delle civiltà

Autori: Gastone Breccia e Andrea Frediani

Casa editrice: New Compton

Collana: I volti della storia

Genere: saggio storico

Prezzo di copertina: € 9.90

Anno: 2020

Pagine: 282


8 commenti:

  1. E' un libro molto interessante.
    Da leggere.
    Ciao Innassia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni pagina è ricca di spunti per capire il presente.
      Buon anno nuovo.

      Elimina
  2. Avevo visto questo libro, ma non l’ho ancora letto. Una recensione molto utile, grazie cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per aver letto e commentato.
      Buon anno nuovo.

      Elimina
  3. Un libro utilissimo per comprendere le dinamiche che si instaurano durante queste emergenze sanitarie. Grazie Innassia e buon anno nuovo.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È molto interessante perché si spiega come le epidemie abbiano influito sull'esito dei conflitti e viceversa.
      Buon anno

      Elimina
  4. E' pazzesco vedere quante persone sparirono ad ogni epidemia incontrollata, ad ogni guerra devastante. Anche se in tempi remoti ci si muoveva molto più lentamente, ed i virus spesso nascevano e morivano in zona, ma facendo strage, almeno localmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' impressionante come l'uomo gestì le pandemie senza conoscere la causa principale, vale a dire come riuscì a curare i malati quando ancora non aveva scoperto i virus. Ma quel che più fa riflettere riguarda il comportamento dell'essere umano perché approfittando delle malattie mortali manipolò l'esito dei conflitti.
      Buon anno.

      Elimina