Benvenuti nel mio salotto virtuale, un luogo dove posso condividere le mie passioni con chi passa da qui. Si parla di piccole chicche quotidiane, di curiosità lontane e vicine, di storie locali e non solo. Mettetevi comodi e partiamo per un lungo viaggio.

giovedì 24 giugno 2021

Spazio alla musica anni Ottanta

Ogni tanto il famoso algoritmo, quello che spia i nostri gusti, elabora elementi non più in voga, perché casualmente è apparsa una famosissima canzone degli anni Ottanta senza cercarla, e in questi momenti si accendono i ricordi. In rete ho fatto delle ricerche per riaccendere la memoria, e oltre alla data di uscita del pezzo ho letto una serie di particolari di un’incredibile carriera. 

Nel 1982 il mercato della musica pubblicò una canzone molto molto carina, e in breve tempo aprì le porte a un gruppo notissimo negli anni Ottanta.

La canzone s’intitola “Pale Shater”, e il gruppo si chiama Tears for Fears, forse uno dei più importanti gruppi musicali di quel periodo. Molto tempo fa lo ascoltavo tantissimo alla radio, forse in modo eccessivo, e come capita quando passa il tempo, non l’avevo più sentito, per non parlare del video, ormai scomparso, al massimo si può intravedere all’improvviso in qualche programma speciale. 

La canzone fa parte del primissimo album del gruppo, intitolato “The Hurting”, e assieme alle altre tracce, come "Mad World" o "Change", si possono gustare delle belle sonorità, classificabili come le Voci più gettonate degli anni Ottanta.

Come la canzone “Pale Shater”, tutte le tracce dell'album sono scomparse e non più presenti nei programmi radiofonici, e il motivo non si può imputare ai gusti che mutano o per dare spazio ad altre sonorità, ma è una situazione naturale quando il tempo passa, in altre parole è nella natura delle cose.

Oltre alle notizie musicali del gruppo, andando a fondo con le Voci registrate in rete, ho letto la data di nascita del bassista e cantante Curt Smith, 24 giugno 1961; esattamente oggi spegne sessanta candeline. 

Quindi, prima ho registrato la data della festa nel calendario cartaceo, e poi, com’è d’abitudine nel blog, oggi registro nel Taccuino la data del compleanno, trascrivo le Voci della canzone con la scheda.

Auguro Buon Compleanno a Curt Smith. Auguri.

 


How can I be sure?

When your intrusions, my illusion

How can I be sure?

When all the time you changed my mind

I asked for more and more

How can I be sure?

When you don’t give me love

You give me pale shelter

When you don’t give me love

You give me cold hands

And I can’t operate on this failure

When all I wanna be is

Completely in command

How can I be sure?

For all you say, you keep me waiting

How can I be sure?

When all you do is see me through?

I asked for more and more

How can I be sure?

When you don’t give me love

You give me pale shelter

You don’t give me love

You give me cold hands

And I can’t operate on this failure

When all I wanna be is

Completely in command

I’ve been here before

There is no why, no need to try

I thought you had it all

I’m calling you, I’m calling you

I asked for more and more

Asked for more and more

How can I be sure?

How can I be sure?

When you don’t give me love

You give me pale shelter

You don’t give me love

You give me cold hands

And I can’t operate on this failure

When all I wanna be is

Completely in command

Completely in command

You don’t give me love

 

 

Scheda della canzone:

Titolo: Pale Shelter

Artista: Tears for Fears

Album: The Hurting

Genere: Sybth pop, New wave

Durata: circa 4:40

Anno: 1982

 

N.B. immagine prelevata dalla rete tramite il motore di ricerca Google.

10 commenti:

  1. La conosco questa canzone, molto carina. A me loro piacciono molto. Hanno inciso pezzi davvero belli di cui sono state eseguite anche delle belle cover. Grazie di averla condivisa, è sempre bello riascoltarla. E' passato molto tempo dall'ultima volta che l'ho ascoltata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao. L’algoritmo inserisce pezzi prevedibili e in alcuni casi lontani dai miei gusti. In questo caso ho gradito perché non ascoltavo questa canzone da parecchio tempo.

      Elimina
  2. Concordo con Caterina.
    Ciao Innassia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sì, anch’io. È piacevole riascoltarli a distanza di anni, si assaporano meglio. Ciao.

      Elimina
  3. Amo tutto ciò che concerne la musica Pop. E il Pop degli anni '90 etc in un certo senso vive ancora oggi: vedi ad esempio "Blinding Lights"-The Weekend; pezzo recente, ma in stile anni '90. La musiva Pop, se buona, non ha tempo, a mio modo di vedere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissimo L. Mi ha fatto piacere la chiacchierata al tel, e ho gradito il tuo commento in questo angolo virtuale. Le tue conversazioni sono sempre costruttive … non sempre riesco a parlare di musica con chi ha studiato al conservatorio. Mille baci.

      Elimina
  4. Mi piacevano molto, sono stati uno dei miei gruppi preferiti per lungo tempo. Ancora oggi quando ascolto Mad World vengo preso dai ricordi di quel periodo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao. Sia “Mad World” che questa canzone accendono bei ricordi. Per un lungo periodo li ascoltavo parecchio, e l’album The Hurting dovrebbe essere il migliore della loro carriera.

      Elimina
  5. Essendo nata alla fine degli anni Ottanta, non conosco questa canzone che forse era già scomparsa a metà anni Novanta, quando cominciavo a cantare e ballare.
    Resta che le sonorità di quei tempi mi piacciono molto. E mi mancano nella musica di oggi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao. Dalla pubblicazione sono passati quarant’anni, e per cassarla alla radio bisognerebbe avere un po di fortuna. Adesso la rete è l'unica fonte per poter conoscere queste canzoni.

      Elimina