Benvenuti nel mio salotto virtuale, un luogo dove posso condividere le mie passioni con chi passa da qui. Si parla di piccole chicche quotidiane, di curiosità lontane e vicine, di storie locali e non solo. Mettetevi comodi e partiamo per un lungo viaggio.

domenica 10 gennaio 2021

Cinque anni senza il Duca Bianco

Look up here, I’m in heaven

I’ve got scars that can’t be seen

I’ve got drama, can’t be stolen

Everybody knows me now

Look up here, man, I’m in danger

I’ve got nothing left to lose

I’m so high it makes my brain whirl

Dropped my cell phone down below

Ain’t that just like me?

By the time I got to New York

I was living like a king

Then I used up all my money

I was looking for your ass

This way or no way

You know, I’ll be free

Just like that bluebird

Now ain’t that just like me?

Oh, I’ll be free

Just like that bluebird

Oh, I’ll be free

Ain’t that just like me?

 

Il video della canzone 'Lazarus'



Cinque anni sono passati dalla morte del Duca Bianco, un artista che riuscì a imprimere un nuovo stile musicale e una nuova moda trasformandoli volta per volta nel corso della sua lunga carriera. Prima di lasciarci ci ha regalato l’ultimo album pubblicato pochissimi giorni prima della sua morte, e la data scelta per presentarci la sua ultima fatica fa venire i brividi: il 6 gennaio 2016 è la data del suo compleanno, l'8 gennaio il suo ultimo album registrato in studio dal titolo “Blackstar”, il 7 gennaio esce il video “Lazarus”, e il 10 gennaio dello stesso anno, e mese, ci ha lasciati senza predire che non avremo più sentito la sua Voce. Il suo ultimo lavoro è un suo inaspettato lascito testamentario musicale, e “Lazarus” è il brano tratto dall’album che ascoltai ignara del tutto, ignara del fatto che era una specie di necrologio, e quando vidi il video rimasi colpita, nel senso che non capì il messaggio ma che mi resi conto che era strano; in quel momento pensai a un effetto strettamente legato all’arte. Dopo la sua morte, rivedendo il video, catalogo “Lazarus” come un necrologio, e sono dell’idea che in quel momento ci consegnò un annuncio sulla sua imminente morte, e un frammento di quell’ultima immagine, del suo ultimo video pubblicato poche ore dalla sua morte, è la prova del suo messaggio: si vede lui che entra nell’armadio muovendosi con dei gesti ben calcolati e ben programmati scomparendo per sempre, un passo del video che ancora adesso mi fa venire i brividi; in quell’immagine si stava nascondendo all’interno dell’armadio e ci ha salutati per l’ultima volta. Oggi ricordiamo la sua morte, e per l’occasione sono stati organizzati dei concerti in streaming, e io registro nel Taccuino il testo della canzone 'Lazarus', e la scheda del suo ultimo lavoro.

 

Scheda dell’album:

Titolo: Blackstar

Artista: David Bowie

Anno: 8 gennaio 2016

Genere: art rock

Durata: 40:50

 

Nel Taccuino puoi trovare altri post su David Bowie:

il post della sua scomparsa, clicca QUI, le canzoni Heroes, Absolute beginners, Let's dance, e il film Labyrinth



6 commenti:

  1. Grandissimo David, un artista che non scorderemo mai, non sembra vero che sino già passati cinque anni, stamattina ho ascoltato un programma in radio che parlava proprio di lui. Ciao Innassia, buona continuazione di domenica e grazie per aver ricordato il grande Duca Bianco.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E sì, sono passati cinque anni. In ogni angolo si sta ricordando il suo talento, e se non ho capito male sta notte ci dovrebbe essere un programma anche su Rai5. A causa del confinamento non ci saranno concerti dal vivo in suo onore, pertanto saranno solo in streaming. Ciao Sinforosa.

      Elimina
  2. Un talento immenso. Resterò con noi per sempre.
    Ciao Innassia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con 'Ziggi Stardust' è entrato di diritto tra i numeri uno dei più grandi, e anno dopo anno ha confermato il suo talento. Buon lunedì @Gus.

      Elimina
  3. Lo adoro dal 1990 non ho perso un suo tour mi manca tantissimo, un artista completo ed assoluto. Per non citare i soliti album "noti" come quelli della trilogia berlinese o Ziggy Sturdust penso solo a quanto ho amato Outside. E poi dal vivo lui era davvero unico. Arrivo qui dal blog Pensieri di Carta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se sei riuscito a vederlo dal vivo, sei molto fortunato. Io non ho avuto questa opportunità, e mi rode il fegato non aver preso al volo delle opportunità.
      Grazie del commento e buona serata.

      Elimina