Benvenuti nel mio salotto virtuale, un luogo dove posso condividere le mie passioni con chi passa da qui. Si parla di piccole chicche quotidiane, di curiosità lontane e vicine, di storie locali e non solo. Mettetevi comodi e partiamo per un lungo viaggio.

domenica 23 febbraio 2020

Vita tranquilla

Boys, now the times are changing
The going could get rough
Boys, would that ever cross your mind
Boys, are you contemplating
Moving out somewhere
Boys, will you ever find the time?
Here we are stranded
Somehow it seems the same, beware
Here comes the quiet life again?
Boys, now the country’s only miles away from here
Boys, do you recognize the signs?
Boys, when those driving hands push against the tracks
Boys, it’s too late to wonder why
Here we are stranded
Somehow it seems the same, beware
Here comes the quiet life again?
As you turn to leave
Never looking back
Will you think of me?
Will you ever, could it ever stop?

 
 
 

La pubblicazione dell’album “Quiet Life” dei Japan è considerata da più parti come la porta che spalancò l’inizio di una nuova sonorità musicale: la new romantic. E anche se il gruppo ha sempre negato di appartenere alla musica new romantic, ancora oggi questo piccolo particolare sfugge ad alcuni appassionati del genere musicale. L’evento più imprevedibile e più sorprendente dell’uscita dell’album riguarda chi non captò il segnale e chi non capì la genialità del gruppo: la casa discografica dopo l’uscita dell’album non rinnovò più il contratto e si accorse dell’errore quando ormai era troppo tardi. “Quiet Life” ha 40 anni di vita, e oltre ad essere un buon album segna una nuova fase del gruppo inglese, perché abbandonarono i ritmi rock per passare a nuove atmosfere: si accentua il timbro inconfondibile del basso di Mik Karn, la Voce di David acquisisce un nuovo stile più calmo di tipo baritono che lo distingue da tutti gli altri cantanti, la batteria di Steve non è un piccolo dettaglio  e le tastiere di Barbieri prendono più lucentezza. Il mistero dell’album riguarda la data di pubblicazione, perché mentre in tutti i più grossi Paesi si legge "20 dicembre 1979", incomprensibilmente per problemi tecnici di produzione in patria esce il 4 gennaio 1980. Non ricordo dove lo lessi, ma una rivista musicale lo inserì tra i 100 album da ascoltare almeno una volta nella vita prima di morire. E io trascrivo il testo della canzone che porta il titolo dell’album, e la scheda di “Quiet life”.
 
Scheda dell’album
Titolo: Quiet life
Gruppo: Japan
Durata: circa 45:00
Anno: 20 dicembre 1979 data internazionale e 4 gennaio 1980 Regno Unito

Tracce: Quiet life, Fall in Love With Me, Despair, In Vogue, Halloween, All tomorrow's Parties, Alien, The Other Side of Life.
 
Video: www.youtube.com/watch?v=8JF25k0Rm0k
 
N.B. per gli altri post su David Sylvian clicca QUI
Annotazione: immagine prelevata dalla rete tramite il motore di ricerca Google


Nessun commento:

Posta un commento