Benvenuti nel mio salotto virtuale, un luogo dove posso condividere le mie passioni con chi passa da qui. Si parla di piccole chicche quotidiane, di curiosità lontane e vicine, di storie locali e non solo. Mettetevi comodi e partiamo per un lungo viaggio.

sabato 11 luglio 2020

Vienna

Walked in the cold air
Freezing breath on a window pane
Lying and waiting
A man in the dark in a picture frame
So mystic and soulful
A Voice reaching out in a piercing cry
It stays with you until
The feeling has gone only you and I
It means nothing to me
This means nothing to me
Oh, Vienna
The music is weaving
Haunting notes pizzicato strings
The rhythm is calling
Alone in the night as the daylight brings
A cool empty silence
The warmth of your hand and a cold grey sky
It fades to the distance
The image has gone only you and I
It means nothing to me
This means nothing to me
Oh, Vienna
This means nothing to me
This means nothing to me
Oh, Vienna



È arrivato il momento di festeggiare un compleanno speciale proveniente dal mondo della musica.  

Oggi nel Taccuino virtuale trascrivo il testo di una canzone e lo schema di un album perché appartenenti a un mondo sempre più legato ai videoclip; un lavoro completamente diverso rispetto ai precedenti dischi e capace di unire un nuovo sound con le immagini. 

L’esperimento non piacque ai critici, tanto da accoglierlo con giudizi negativi, definendo il gruppo ordinario, commerciale e superficiale, in altre parole una nuova arte usa e getta destinato all’oblio; e la disapprovazione non deve sorprendere perché il gruppo cambiò rotta sempre più legato al genere synth pop.

I critici si sbagliarono perché ancora oggi l'album è considerato come la pietra miliare del gruppo, capace di perfezionare un nuovo modello più moderno ed efficace in termini artistici; inoltre da questo momento il matrimonio tra la musica e i videoclip è sempre più forte, almeno secondo un mio punto di vista.

Quest’anno, esattamente oggi, compie quarant’anni un album storico che segnò un’epoca, “Vienna” degli Ultravox, l’album più famoso del gruppo e il primo con Midge Ure che portò una nuova veste più fresca, elegante e moderna, tanto da sorprendere per l’inversione di tendenza del gruppo, perché oltre a aprire le porte a un nuovo sound si adottò un nuovo modo di esprimersi, fatto di note musicali e immagini. 

Vienna è anche il nome del singolo estratto dall'omonimo album, e col video si cambiò radicalmente un settore già sperimentato da altri artisti, perché oltre a evolvere il loro sound riuscirono ad ottenere un buon videoclip paragonabile a un cortometraggio.

Col passare degli anni il video Vienna è diventato un punto di riferimento per l'intero settore, si ricorda per aver impresso la musica in immagini dentro un video realizzato in modo più moderno e adatto a un settore, quello televisivo, sempre più in evoluzione.

Con Vienna il gruppo realizzò un prodotto definito in diverse occasioni come ingegnoso e rivoluzionario, oltre ad essere ricordato come uno dei più costosi dell’epoca.

In generale l'intuito di trasformare un anonimo clip in un cortometraggio fu geniale, e se precedentemente si girarono altrettanti videoclip della stessa natura ma ancora in fase sperimentale, il gruppo riuscì a ottenere un sovra plus e a influenzare altri artisti.   

Negli anni ottanta il video Vienna si distinse da tutti gli altri, si sviluppò una storia in stile gotico, con una festa tra risate, divertimento, ricchezza, apparenza, i paparazzi e un omicidio. 

Vienna, è considerato un capolavoro, e ancora oggi si ricorda per aver unito nuovi e diversi ingredienti portando così una nuova freschezza al mondo dei videoclip e della musica.

Dopo Vienna i video musicali cambiarono registro, e le immagini accompagnarono le Voci degli artisti e le melodie sprigionate dagli strumenti modificando un sistema in un nuovo mondo.

Buon compleanno Vienna.



Il video





Immagini tratte dal video




































Scheda dell’album:
Titolo: Vienna
Gruppo: Ultravox
Genere: new wave, synth pop
Anno: 11 luglio 1980
Durata: 43:37
Tracce: Astradyne, New Europeans, Private Lives, Passing Strangers, Sleepwalk; Mr. X, Western Promise, Vienna, All Stood Still.

6 commenti:

  1. C'è sempre la tendenza a screditare il nuovo per il semplice fatto che la critica valuta in modo superficiale.
    Ciao Innassia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alcuni non hanno le antenne per captare il segnale dell'innovazione di un nuovo prodotto, o non tollerano il cambiamento per no rischiare. Ben vengano gli artisti autonomi. Buon sabato.

      Elimina
  2. Grazie per questo post davvero interessante e... auguri Vienna. Buona domenica Innassia.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per la compagnia. Buon proseguimento di giornata.

      Elimina
  3. Gli "Untravox" me li fece scoprire un mio amico, non ho mai smesso di ringraziarlo per questo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nick. La mia fonte fu la radio nel periodo d'oro del gruppo, e se penso agli Ultravox penso sempre all'album Vienna.

      Elimina