Benvenuti nel mio salotto virtuale, un luogo dove posso condividere le mie passioni con chi passa da qui. Si parla di piccole chicche quotidiane, di curiosità lontane e vicine, di storie locali e non solo. Mettetevi comodi e partiamo per un lungo viaggio.

giovedì 1 settembre 2022

La ricamatrice di segreti

Il romanzo di oggi lo descrivo come un mix di Voci reali miscelati con episodi frutti della fantasia dell’autrice. È un romanzo elaborato con una scrittura semplice e delicata, in più si fondono tra di loro alcuni generi, e in prima fila c’è la drammaticità di alcuni avvenimenti. La storia inizia con la voglia (o l’illusione) di cambiare la propria vita, di emergere, e soprattutto c’è il desiderio di migliorare il proprio stato sociale. Il personaggio principale, per libera scelta, pur di inseguire e riscattare le proprie ambizioni schiacciate da influenze negative, decide di affrontare l’ignoto in una terra straniera, lontano dai propri affetti, interrompendo così in modo brusco il solito tran tran. 

La protagonista, di punto in bianco, prende la decisione di dare le dimissioni per inseguire un sogno, quello di diventare una sarta. In modo inverosimile, e forse dico io troppo semplice, in un baleno riesce a trovare lavoro mentre prende una nave, ma non una qualsiasi nave, la numero uno, il transatlantico Titanic.  

Nei primi capitoli si descrivono i sogni e le speranze sotto il segno della perfezione, ma come la vita ci insegna, inaspettatamente i sogni prendono una piega diversa: il transatlantico si scontra con un iceberg e la nave cola a picco. Il naufragio modifica lo stato mentale dei protagonisti, da liberi sognatori si ritrovano scaraventati nella disperazione imparentata con la morte. E chi sopravvive raggiunge la terra promessa con occhi diversi.

La ricamatrice di segreti” non è il classico romanzo sul Titanic, perché prende in considerazione il “dopo naufragio”, infatti, rispetto ad altri romanzi, si tralasciano o si accennano quegli episodi sulla partenza, così come la vita sulla nave e quegli attimi drammatici del naufragio.

Il romanzo di Kate Alcott prende in considerazione le fasi successive all’affondamento del Titanic, esattamente si parla delle inchieste giornalistiche e legali, e si seguono le Voci di tanti personaggi coinvolti direttamente o indirettamente su uno dei disastri più noti della storia.

Buona parte dei capitoli si occupano delle indagini, delle reciproche accuse tra gli ex naufraghi e gli investigatori, dei presunti omicida, dei processi e dei giornalisti, fino alla gogna mediatica.

La scelta dell’autrice di tralasciare i particolari del Titanic è una caratteristica che la distingue dai classici romanzi ambientati sul famoso transatlantico; pertanto nel romanzo non c’è spazio per descrivere approfonditamente dati sulla la vita passata dei passeggeri, o sul transatlantico o sul naufragio, al massimo si trova qualche breve accenno.

La ricamatrice di segreti” di Kate Alcott si deve consigliare quando abbiamo bisogno di una lettura leggera per rilassare la mente, perché le Voci sono impostate in modo superficiale, e aggiungo a tratti con una trama banale; in più si scoprono gli intrighi, le lotte legali, le inchieste giornalistiche e le ripercussioni dei protagonisti già dalle prime pagine. E se il sottotitolo ribadisce “Una grande storia di riscatto, coraggio e amore”, dico che il libro mi ha delusa per le troppe aspettative lasciandomi l’amaro in bocca. Un vero peccato; l’idea di fondo era ed è valida.

  

Scheda del libro:

Titolo: La ricamatrice di segreti

Autrice: Kate Alcott

Titolo originale: The dressmaker

Traduzione: Roberta Zuppet

Genere: romanzo storico

Casa editrice: Tea

Anno: 2012

Pagine: 384

Prezzo di copertina: € 6.90


5 commenti:

Ricordo ai lettori che il legislatore ha emanato una norma per proteggere i dati personali quando si naviga nei blog, quindi, prima di lasciare un commento, si consiglia la lettura della pagina “Disclaimer, Privacy & Cookie”.