Benvenuti nel mio salotto virtuale, un luogo dove posso condividere le mie passioni con chi passa da qui. Si parla di piccole chicche quotidiane, di curiosità lontane e vicine, di storie locali e non solo. Mettetevi comodi e partiamo per un lungo viaggio.

sabato 5 gennaio 2019

Arriva la Befana … di cotone

Su quel pianeta la Befana
viaggia a cavallo di un razzo
a diciassette stadi
e in ogni stadio
c’è un bell’armadio
zeppo di doni
e un robot elettronico
con gli indirizzi dei bambini buoni.
Anzi con gli indirizzi
di tutti i bambini, perché
ormai s’è capito
che di proprio cattivi non ce n’è.


 (La Befana Spaziale di Gianni Rodari) 
 
 


Mancano poche ore alla festa del 6 gennaio, e come qualunque ricorrenza, ogni paese ha le sue tradizioni, e a differenza dei preparativi per le feste natalizie o del capodanno, questo giorno l’ho sempre trovato sbiadito.
Ogni bimbo festeggia con la classica “calza” aspettando “sa femmina ‘eccia” (la vecchietta) che porta i doni ricchi di dolcetti o di carbone.
Se do uno sguardo alla “Carta de Logu” sicuramente troverò dei riferimenti sul 6 gennaio, nota col nome de “sa Pasca Nuntza”; eppure per la festa dell’Epifania, tradizionalmente legata alla festa de “Is Tres Urreis o Reis” (I Re Magi), leggendo qua e là, ho trovato poche informazioni isolane, e tutte ugualmente sbiadite.
 
 
 
Quest’anno, aspettando Is Tres Urreis, mi sono organizzata in anticipo a modo mio con spensieratezza, e con il cotone e un uncinetto ho creato la bambola della Befana.
Nel Taccuino non posso riepilogare tutti i passaggi perché ho trovato lo schema in un blog ed è coperto dai diritti d'autore; indico il link: http://magicischemitradotti.altervista.org/la-vera-befana-delle-feste/
Lo schema è semplice e s’intitola “la vera befana delle feste”, però era sprovvisto di alcuni elementi essenziali: studiando i passaggi ho notato che aveva il cappello come le streghe e non il fazzoletto e lo scialle, e all’ultimo momento ho infilato una stola lavorando a ma per coprire le spalle;  inoltre non ho trovato lo schema della scopa e della borsa e per crearli ho invento i vari passaggi.
Ho continuato la lavorazione della Befana perché lo schema prevede una tecnica che non avevo ancora sperimentato: si realizza in un unico pezzo partendo dal corpo fino al cappello con successive riprese per la gonna e il cappello, in più la forma del viso è “ovale” e non tondo.
 

 
Strada faccenda ho modificato alcuni passaggi e ho inserito altri dettagli non previsti dallo schema originale. Ad esempio ho immaginato la Befana con tanti capelli mossi e non lisci, e per ottenere questo effetto ho lavorato seguendo questo schema:
1° giro: ho lavorato tante mb riprendendo le maglie in direzione dell’attaccatura sotto il cappello.
2°giro: 1 mb nella parte posteriore, 25-30 catenelle, e tornando in dietro 1 mb in ciascuna cat, 1 mb nella parte anteriore, 25-30 catenelle, e tornando in dietro mb in ciascuna cat.
 

 


20 commenti:

  1. Aveva ragione Gianni Rodari.
    Non esistono bambini cattivi.
    Complimenti per questa bella Befana e buon Epifania.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre più incontro adulti troppo esigenti che si lamentano dimenticando che i bimbi devono giocare e non imitare i grandi. Non sono cattivi, sono bambini. Buona Epifania

      Elimina
  2. Sei straordinaria.
    Un abbraccio Innassia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo gentile. In questo modo si colorano le giornate in allegria straccolme di risate. Buona Epifania

      Elimina
  3. Bellissimo lavoro, sei molto capace, complimenti e... buonaEpifania.
    sinforosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sinforosa. Sto aspettando la visita di bimbi: se rideranno e si divertiranno significa che ho centrato il bersaglio. Buona Epifania

      Elimina
  4. Sei bravissima.
    Buona Epifania.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mariella. Ti auguro buon anno e buon Epifania

      Elimina
  5. Ho già ammirato la tua Befanina di cotone su Instagram.
    Davvero bella e tu quindi tu davvero brava nel realizzarla!
    COme è andata poi la visita dei bambini che stavi aspettando? Ho letto la risposta che hai scritto a Sinforosa ;) e ora sono curiosa...
    Un bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ops! mi è scappato un "tu" di troppo!!

      Elimina
    2. Tra feste, mal di gola e raffreddori vari sono in ritardo … mi hanno avvisata di non inscatolare le statuine. Nel frattempo, condividendo le immagini che ho inviato, tra grandi e piccini si sono divertiti un sacco.
      Ciao Maris

      Elimina
    3. Ho ricevuto dei 'consigli ' per i prossimi progetti da parte di un bimbo il nipote di un'amica : come colori e nuovi personaggi. Quello che non vediamo noi adulti lo catturano i piccoli. I bimbi sono meravigliosi, sinceri e colmi di fantasia. Ciao Maris

      Elimina
    4. E' verissimo, i piccoli "catturano" cose che a noi adulti sfuggono! Aspetto di vedere poi realizati questi nuovi progetti, allora.

      Se vuoi passa a leggere da me, sei una dei protagonisti del mio post di oggi :)
      Un abbraccio.

      Elimina
    5. Le richieste sono varie. Per i progetti sono salva: ho un anno di tempo per organizzarmi.
      Volo subito nel tuo salotto virtuale ...

      Elimina
  6. Ma è stupenda questa befana amigurumi, sei bravissima!
    Ti faccio tanti complimenti, hai fatto un gran lavoro, è perfetta in tutto!
    Un caro saluto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gabry. La difficoltà maggiore consiste nel trovare il cotone adatto. Spesso non si trovano tutti i colori dello stesso filato rallentando così i progetti da realizzare. Ciao

      Elimina
  7. Stupenda....anche se riferito a una Befana!!!!!
    A bientot,
    Rita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... ha pure un piccolo pizzetto nel polsino .... è pure una befana vanitosa ����
      Bonne nuit

      Elimina
  8. W le befane vanitose! Complimenti per la tua deliziosa befana e per il blog dalla tua follower nuova di zecca Cecilia (Frizzi e Pasticci)

    RispondiElimina
  9. ... è vanitosa ma sempre col carbone nella borsetta ... quindi pure birichina. Benvenuta nel Taccuino. Ciao Cecilia

    RispondiElimina