Benvenuti nel mio salotto virtuale, un luogo dove posso condividere le mie passioni con chi passa da qui. Si parla di piccole chicche quotidiane, di curiosità lontane e vicine, di storie locali e non solo. Mettetevi comodi e partiamo per un lungo viaggio.

giovedì 1 febbraio 2018

I demoni del deserto

Alle 5:28 minuti del 5 dey 1383, secondo il calendario iraniano, che corrisponde al 26 dicembre 2003 del calendario gregoriano, in un giorno di festa e di preghiera, un terremoto spazza via un’intera città, la città di Bam. Tra i pochi  sopravvissuti alla calamità naturale c’è un insegnante Agha Soltani e sua nipote Hakimè, e per ricostruire una nuova vita lontani dalla città natia ormai distrutta dal terremoto, scappano e intraprendono un lungo viaggio in solitudine e a piedi verso il sud del paese e verso il mare.
Durante il tragitto, il nonno Agha si rende conto che non è in grado di capire i comportamenti della nipote, si rende conto che non è come tutte le altre sue coetanee, non gioca come loro e non parla come tutti i bambini perché vive un mondo tutto suo inaccessibile agli altri: Hakimè è una bimba silenziosa, la piccola è autistica.

Durante il viaggio il nonno anziano riscopre se stesso e i propri limiti, cerca e trova una nuova vita partendo dai detriti e dalle macerie di una città ormai distrutta e abbandonata, e con la piccola nipote scopre un mondo a lui estraneo: è come se il maestro tragga lezioni dalla nipote e non viceversa. Anche se sono esuli e se hanno lasciato la loro terra cercano di  rielaborare una nuova esistenza estrapolando dai ricordi ciò ché rimasto.
I due sopravvissuti si adeguano reciprocamente ai nuovi luoghi sconosciuti lontani dalla propria città, e piano piano superano gli ostacoli, e con dei semplici sguardi, con i sorrisi e con i gesti, e con poche parole Agha da maestro diventa allievo della propria nipote.

Un giorno, mentre Hakimè compra in un chiosco un cartoccio di datteri, si ferma una Land Rover, si apre lo sportello e con un rapido gesto rapiscono la bambina per venderla al mercato delle spose bambine. Chi sono queste persone? Nel lungo viaggio, le storie di Hakimè e di Agha si intrecciano con i trafficanti di uomini, ladri di bambini, situazione che complica ulteriormente il rapporto tra i due, situazione drammatica che  per un breve periodo spezzano l’unione tra i due. 


 
 

Questa volta ho preferito analizzare un libro dai contenuti delicati sia per la scelta dell’argomento e sia per gli ambienti descritti, da una parte abbiamo una terra distrutta da una calamità naturale e dall’altra si scoprono luoghi lontani e sconosciuti, e oltre a ciò si incontrano e scontrano realtà diverse dovute dalla differenza di età dei protagonist. Il libro si intitola “i demoni del deserto”, ed è un romanzo scritto dal giornalista Bijan Zarmandili esperto di politica mediorientale.
 
Questa volta ho recensito brevemente un libro che affronta un problematico rapporto tra un uomo e una bambina, tra un nonno inaccessibile, egoista, assente e chiuso nel suo io,  e sua nipote affetta da una particolare patologia, dove si combinano le difficoltà di entrambi.
I protagonisti del romanzo sono due profughi costretti ad abbandonare la propria terra dopo un terribile sisma che ha devastato e distrutto la propria casa e la propria famiglia, ed è da questo momento che parte la rinascita di entrambi: partendo dalle proprie radici e dalle macerie un vecchio e una bambina si scoprono reciprocamente.  
 
Nel romanzo esploriamo un mondo nuovo, dove un vecchio signore scoprirà se stesso dopo il sisma durante il lungo viaggio, e anche noi lettori pagina dopo pagina ci appassioniamo alla vicenda della piccola immedesimandoci e cercando con la nostra mente di spalancare le porte chiuse di entrambi i nostri protagonisti. Oltre a ciò analizziamo un lato oscuro di un mondo fatto di criminalità di sopraffazione, di prepotenza in nome di un mercato disgustoso e abominevole, il traffico di bambini, situazione che complica ulteriormente la relazione tra due anime diverse per spirito e per carattere. Nel romanzo conosciamo il lato oscuro dei Demoni che con l'inganno approfittando di un momento precario prendono i piccini per rivenderli al mercato.

Oltre ai due protagonisti Agha e Hakimè, il romanzo appassiona per la presenza di un altro protagonista, la natura, che vive in simbiosi con il nonno e la piccina,  che vive in prima persona e si presenta in tutte le sue sfaccettature positive e negative, si riconosce dalla sua forza distruttiva dalle sue bellezze come il deserto, la neve, il paesaggio; e quindi un altro elemento del romanzo è la propria terra e quella da scoprire. 
 
 
Scheda del libro:
Titolo: I demoni del deserto
Autore: Bijan Zarmandili
Casa editrice: Nottetempo
Genere: romanzo
Prezzo di copertina: 16 euro
Anno: 2011
Pagine: 260
 
 


Nel Taccuino puoi trovare anche un altro libro di Bijan Zarmandili dal titolo “Viene a trovarmi Simone Signoret”, guarda QUI  


Annotazione: il libro “I demoni del deserto” di Bijan Zarmandili l’avevo preso in prestito in biblioteca e per mancanza di tempo l’avevo restituito senza aver scattato una foto, pertanto le immagini di questo post le ho prelevate dalla rete tramite il motore di ricerca Google.

 



4 commenti:

  1. Grazie per avermi fatto conoscere questo libro. Come ben immaginerai, questa storia narrata mi tocca da molto vicino per l'aspetto riguardante il disturbo della piccola protagonista Hakimè. Ma anche tutto il resto penso possa farmi appassionare a questo romanzo e quindi mi segno titolo e autore per una futura lettura.
    Un carissimo saluto, alla prossima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro si legge tutto d’un fiato e incoraggia la lettura seguendo le sorti di un uomo colto abituato a guidare e diffondere il proprio sapere perché insegnante, e nel momento in cui si trova solo senza casa e famiglia, lontano dalla propria terra, si rende conto quali sono i suoi limiti prendendo come insegnante non se stesso ma la nipote dolcissima e con la voglia di vivere anche se in modo distante rispetto ai canoni rigidi del nonno. Almeno io ho colto questo messaggio. Ciao e fammi sapere il tuo pinto di vista quando lo spunti dalla lista dei libri da leggere.

      Elimina
  2. Un libro delicato e profondo, una bellissima scelta per una recensione lucida ed emotiva al tempo stesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L’argomento trattato nel romanzo è molto delicato ed è stato sviluppato senza appesantire la storia dei protagonisti. Anche in questo caso lo scrittore non mi ha delusa così come quando leggo i suoi pezzi giornalistici di politica Mediorientale. Grazie di essere passato e di aver commentato. Ciao

      Elimina