Benvenuti nel mio salotto virtuale, un luogo dove posso condividere le mie passioni con chi passa da qui. Si parla di piccole chicche quotidiane, di curiosità lontane e vicine, di storie locali e non solo. Mettetevi comodi e partiamo per un lungo viaggio.

venerdì 1 ottobre 2021

I Cinquant’anni della famosa Carrozza

Guarda, cerca,

Corri lontano, vola

Hans il mercante aspetta lontano, vola

Piccolo uomo Signore del mondo, vai

La carrozza attende già, non ti fermare

A cassette sali e va, non ti voltare

Suona un corno da cocchiere

Lustra l'abito da Re

È la carrozza di Hans

Strade e strade correrai,

Senza contare

Cieli e cieli finirai

Tu sai volare

Suona un corno da cocchiere

Lustra l'abito da re

È la carrozza di Hans

 

 

Che emozione. Quanti ricordi. Sì, quanti bei ricordi, uno per ogni situazione. Che note. Sì, nel Taccuino non poteva mancare questa canzone. Effettivamente, se ci penso, non ho mai registrato nulla della PFM, questa è una stranezza. Oggi rimedio registrando il primo singolo della loro carriera intitolato “La carrozza di Hans”.


La particolarità di questa canzone è il fatto di essere un gioiello della musica italiana, e la particolarità del 45 giri riguarda il lato B, perché normalmente attira la canzone del lato A, invece in questo caso, in questo 45 giri è impossibile scegliere tra i due quale sia il migliore; sono del parere che entrambi siano uno dei pezzi più importanti in assoluto della musica italiana.


La canzone del lato B s'intitola “Impressioni di settembre”, e qua termino la trascrizione, perché non trovo le parole per esprimere ciò che circonda la bellezza di entrambi i pezzi, e perché è imbarazzante trovare le Voci giuste, in più si potrebbe cadere nel ridicolo o nella superficialità. Pertanto, oggi pecco di poltronite, e lascio la descrizione ai musicisti, e mentre loro parlano, e parlano, incastrando le parole giuste, io accendo il vecchio radione e ascolto entrambi i pezzi della PFM.


Stavo dicendo, per entrambi i lati, si ascoltano due canzoni circondati da troppi troppi ricordi, sia privati che scolastici (sì, io appartengo alla generazione che ha studiato la PFM a scuola), e oggi è un giorno importante perché si festeggia.


La carrozza di Hans” è il primo singolo del gruppo, ed esattamente, se la memoria non mi molla, uscì il primo ottobre del 1971, quindi oggi compi 50 anni.


Caspita, da 50 anni si ascolta “La carrozza di Hans”, uno dei capisaldi del gruppo della PFM, un classico della musica italiana….


 

Scheda della canzone:

Titolo: La carrozza di Hans

Gruppo: PFM

Album: Storia di un minuto

Genere: rock progressivo

Anno: 1 ottobre 1971

Durata: circa 6:00


13 commenti:

  1. I ricordi sono frammenti della nostra vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao @Gus
      Io conosco molte persone che non gradiscono i ricordi, non amano il loro passato e tentano in tutti i modi di eliminarlo e falliscono perché, come affermi, fanno parte della nostra vita e sono incancellabili.
      Buona serata.

      Elimina
  2. La Pfm è il più grande gruppo rock italiano tra l'altro, se non sbaglio, l'unico a essere famoso anche all'estero, tra i più grandi esponenti del progressive rock. I loro album veri capolavori e questo 45 giri è una meraviglia. Non sono dei miei anni, ma dal momento che adoro il rock, li conosco bene. E, ti dirò, pur non essendo canzoni della mia gioventù, ogni volta che le ascolto non posso che ricordare la mia adolescenza. Musicalità che entrano nella nostra anima, risvegliano vecchi ricordi, vecchie dolci emozioni. Pura meraviglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima, dal mio punto di vista la PFM ha fatto la storia della musica italiana, hanno segnato un periodo d'oro e unisce diverse generazioni, infatti ai loro concerti non c'è distinzione di età.
      Buona serata.

      Elimina
  3. Una mia zia èx sessantottina adorava i PFM, quando poteva me li faceva ascoltare sui vecchi e rigatissimi vinili che possedeva. Peccato che alla sua morte le figlie abbiano buttato tutto via...vinili compresi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No!!! Non è possibile, hanno buttato via i vinili!!! Non ci posso credere. Mi auguro che abbiano donato, ad es a una biblioteca o ad amici di famiglia. Se guardiamo l'aspetto commerciale, buttare i vinili non ha senso, hanno un valore inestimabile, soprattutto con gruppi di questo calibro.
      Buona serata @Nick

      Elimina
  4. Il 33 giri Live in Usa è custodito con estrema cura, tra gli esempi maggiori di creatività e classe cristallina. Adoro il progressive e tra gli italiani PFM sempre in prima linea, assieme ad Area e Banco, ovviamente! Piacere di averti scovata..grazie a Gus!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il piacere è reciproco e benvenuto nel Taccuino, e un grazie a Gus che ci ha fatto incontrare…. E se hai citato Area e Banco mi sa che dal punto di vista musicale andiamo d’accordo, e per il 33 giri in tuo possesso … tienilo stretto, hai in mano un gioiellino, un diamante della musica italiana. Buon sabato.

      Elimina
    2. ..il primo LP acquistato invece fu In rock dei Deep Purple, e come il primo amore, non si scorda mai..
      mi hai fatto venir voglia di un post sui miei 33 giri.. vita vissuta.. ;)

      Elimina
    3. .... è vera vita vissuta .... non perché si accenna alla gioventù passata, ma perché si parla dei gruppi entrati nei libri di storia ....

      Elimina