Benvenuti nel mio salotto virtuale, un luogo dove posso condividere le mie passioni con chi passa da qui. Si parla di piccole chicche quotidiane, di curiosità lontane e vicine, di storie locali e non solo. Mettetevi comodi e partiamo per un lungo viaggio.

venerdì 15 luglio 2016

La capanna della Natività fatta a mano con l'uncinetto

Il presepe creato interamente a mano con l’uncinetto si sta arricchendo.
Il progetto ideato dal sito “La Torre di Cotone” e iniziato nel 2015, oltre ai personaggi principali, prevede anche la realizzazione della capanna per la natività. Eseguire il lavoro non è stato semplice e veloce, e durante tutto il periodo di lavorazione ho affrontato diversi ostacoli determinati dalla grandezza della capanna, dalla quantità del cotone da acquistare fino all’assembramento delle parti.
La capanna è costituita dalla base (ho immaginato l’interno coperto dall’erba), il tetto e le colonne.
Il primo ostacolo che ho affrontato è stato quello di chiarire il dilemma delle dimensione della capanna perché, contando i giri e i punti dello schema, mi sono accorta che era troppo piccola per ospitare tutti i personaggi della natività; così, prendendo appunti ho aumentato tutti i giri: per la base si prevedevano 13 giri invece ne ho lavorato 21, per il tetto ho lavorato 22 giri anziché 15, per le colonne sono passata dai 33 giri previsti dallo schema ai 50 per non coprire i visi con il tetto.
Il grattacapo più grave che ho incontrato è stato la lavorazione del tetto perché, per stare dritto, dovevo irrobustirlo immergendolo nell'acqua mischiato con la colla per poi darle la forma: non l’avevo mai sperimentato in prima persona e prima di iniziare l’operazione mi sono documentata. Inoltre, dopo il trattamento anche se stava dritto, il tetto tendeva a pendere davanti e per eliminare il difetto, all’ultimo momento, ho dovuto lavorare un’altra colonna e poi, così come è stato preventivamente suggerito dal sito, ho avvolto la parte che cedeva con il filo di ferro zincato.
Un altro problema che ho dovuto affrontare riguarda l’assembramento delle colonne. All’inizio non ho seguito il suggerimento e ho cucito le colonne direttamente alla base imbottendole come da prassi, ma ho dovuto cambiare strategia e mettere in atto il consiglio dell'amministratrice del sito perché con il peso del tetto (e sottolineo in assenza di vento) tendevano a cascare da una parte all’altra della base; e per eliminare gli ostacoli, ho seguito passo dopo passo tutti i suggerimenti del sito: “inserire all’interno di ciascuna colonna una striscia di cartoncino arrotolato su sé stessa, in modo che all’interno rimanga un foro dove poi andremo ad inserire uno spiedino”.







Realizzare la capanna con l’uncinetto ha stimolato la mia pazienza e ha tormentato il mio sistema nervoso, e quando ho visto il frutto della sgobbata osservavo solo i difetti, ma poi ho pensato “caspita, sta dritta…sì manca qualcosa…la situazione iniziale era disperata…però cara Z cosa vuoi di più dalla vita!!! Rilassati, la perfezione non esiste”.













Per creare la capanna con le tue mani, indico il link del sito "La Torre di Cotone": http://latorredicotone.com/schemi-amigurumi/6-schema-presepe-amigurumi-la-capanna/



Ti potrebbero interessare anche gli altri post sul presepe fatto a mano con l'uncinetto:
il presepe incompleto,
i cammelli,

e altri personaggi guarda QUI e QUI
 

Nessun commento:

Posta un commento