Benvenuti nel mio salotto virtuale, un luogo dove posso condividere le mie passioni con chi passa da qui. Si parla di piccole chicche quotidiane, di curiosità lontane e vicine, di storie locali e non solo. Mettetevi comodi e partiamo per un lungo viaggio.

domenica 22 novembre 2015

Pasta ‘Urria

In cucina, se vogliamo sorprendere i nostri amici, non è necessario allestire un banchetto con più pietanze; in nome dell’originalità si può cucinare un piatto unico, ad esempio la pasta ‘urria.
Sì qualcuno può obiettare dicendo che è un primo piatto da accompagnare con altre pietanze, ma io lo considero anche come un pasto completo.
Perché ho usato la parola sorprendere? Semplicemente perché è un piatto tipico della Barbagia, o meglio l’ho conosciuto solo in questa zona geografica della Sardegna e in nessun altro luogo, e per tale motivo quando accenno gli ingredienti nessuno sa cosa sia.
 
Al fine di far conoscere la ricetta trascrivo nel taccuino virtuale gli ingredienti e il procedimento.
 
Ingredienti:
 
un pezzetto di formaggio fresco acidulo, pasta corta, sale e un po’ d’acqua.
 
Procedimento:
 
Mentre cuoce la pasta in abbondante acqua salata, tagliamo a scaglie il formaggio fresco acidulo. Prendiamo un tegame, versiamo il formaggio tagliuzzato, e con pochissima acqua (circa 1-2 cucchiai) e un pizzico di sale, lentamente lo sciogliamo a fuoco moderato. Mescolando più volte e stando attenti a non farlo attaccare al fondo della pentola, piano piano il succo si separa dal formaggio, e se per le Sevadas dobbiamo farlo riassorbire con una presa di farina, in questo caso l’eccesso di succo si deve togliere lasciandone il poco necessario per amalgamarlo con la pasta. Quando il formaggio si è fuso al punto giusto, aggiungiamo la pasta (importante: deve essere al dente) e, aiutandoci con due mestoli, saltiamo il tutto a fuoco dolce.
La pasta ‘urria si deve servire caldissima appena spenta la fiamma.
Vedrete sarà un pranzo giocoso per i più piccoli perché, formandosi dei lunghi fili filanti di formaggio intrecciati con la pasta uno con l’altra, si cercherà di sperarli con l'aiuto della forchetta.

Piccola annotazione: non è semplice da preparare ed è molto impegnativo.
 
Il primo inghippo è la materia prima: sì come per sas Sevadas o sos Culurzones de casu è necessario avere il formaggio fresco acidulo di pecora, difficile da preparare e soprattutto da acquistare fuori dall’isola. Pertanto, prima di acquistare o preparare un buon formaggio fresco acidulo, consiglio di leggere il post delle Sevadas.
 
Secondo inghippo: non si può improvvisare perché preparare il formaggio crea svariati problemi, e rispetto a sas Sevadas deve filare molto di più, perciò se vogliamo cucinare questa pietanza non possiamo commettere degli errori durante la preparazione del formaggio acidulo. 

 
 Prima fase: preparare e sciogliere il formaggio fresco acidulo
 
 







 
Seconda fase: saltare la pasta con il formaggio cotto
 

 


 
 
Potrebbero interessarti anche le ricette:
Sevadas, guarda QUI;
Culurzones de casu, guarda QUI.



Nessun commento:

Posta un commento