Benvenuti nel mio salotto virtuale, un luogo dove posso condividere le mie passioni con chi passa da qui. Si parla di piccole chicche quotidiane, di curiosità lontane e vicine, di storie locali e non solo. Mettetevi comodi e partiamo per un lungo viaggio.

martedì 1 luglio 2014

Marmellata di albicocche

Avere le albicocche e non poter fare la marmellata, questo è il problema.

Un paio di anni fa nel giardino di casa spuntò un alberello, un albicocco, e mio padre lo curò dal primissimo istante. In questi momenti si fantastica alla grande, si pensa immediatamente ai frutti che porterà, si studia come curarlo, come potarlo e poi come preparare la marmellata. Questi pensieri sono “frutto” della fantasia tipici del primo istante di euforia, infatti, fino a ieri, anche se l’albero è già cresciuto da un po', non siamo riusciti a preparare neanche una ciotola di marmellata o confettura. L’albicocco è spuntato nel posto sbagliato e il suo nemico più spietato, il vento, tutti gli anni danneggia il fiore o le albicocche non ancora mature oppure si infesta di formiche o di vermi (altri nemici).
Finalmente quest’anno siamo riusciti a salvare alcune albicocche e ho spolverato il mio libro delle marmellate e delle conserve che acquistai in una libreria cagliaritana.


Questa è la ricetta della marmellata: per un chilo di albicocche ci vogliono 750 grammi di zucchero.

Ho pulito e spaccato in due e poi snocciolato le albicocche e le ho messe in una terrina. Ho alternato uno strato di zucchero e uno di albicocche, poi ho coperto il recipiente con un panno per lasciarlo riposare una notte intera. Nel frattempo ho spaccato una dozzina di noccioli per prendere le mandorle, le ho sbucciate e le ho messe da parte.
Trascorso il tempo di riposo, ho versato le albicocche e il succo che si è formatto con la macerazione in un recipiente per cuocerlo a fuoco dolce. Quando ha raggiunto l’ebollizione ho unito le mandorle, poi ho proseguito la cottura per 15 minuti schiumando spesso la superficie del composto per ottenere una marmellata limpida. Ho verificato la consistenza del composto e ho proseguito la cottura per altri 5 minuti così come suggerisce il manuale.

Non avevo mai preparato la marmellata di albicocche e sono contenta del risultato ottenuto anche se sono perplessa sugli ingredienti: perché nella ricetta non c’è il succo di limone come nelle altre marmellate presenti nel libro? Inoltre non ho capito l’utilità delle mandorle.


Il prossimo passo sarà la crostata di albicocche….

7 commenti:

  1. Le albicocche mi piacciono tanto! Ammetto che non sono una gran mangiatrice di marmellate e confetture...ma questa che proponi mi sembra ottima :-) Mi dispiace non saperti aiutare nelle risposte ai tuoi quesiti perchè non ho mai fatto marmellate in casa e non conosco i "trucchi del mestiere".
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maris. Anche io non sono espertissima. mi hanno sempre consigliato il succo di limone ma nel mio libro non è previsto. Con le mandorle ha un retrogusto amarognolo che bilancia il dolce della marmellata, ma è un ingrediente che non ho trovato in altre ricette.

      Elimina
  2. E' la prima volta che sento delle mandorle... Prima di finire la lettura del post mi chiedevo appunto del sapore amaro che hanno e me l'hai confermato!! Sicuramente è una variante da provare..comunque che belle quelle albicocche frutto della forza della natura nonostante gli elementi avversi ;). Un caro saluto. Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Laura. Non si specifica se le mandorle devono essere intere o macinate. Per sperimentarle le ho spezzate in due. La prossima volta provo a macinarle per ottenere un gusto amarognolo più compatto. A presto

      Elimina
  3. Anche a me piace molto questo tipo di marmellata(senza pezzi,però),
    ma anche io non sapevo nulla di mandorle tra gli ingredienti.
    Credo comunque che un gusto amarognolo non gli si addice affatto...

    Lorenzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. All’inizio non volevo metterle ma se le maciniamo forse il risultato sarà migliore, poi non è molto amaro è solo accennato

      Elimina
  4. Annotazioni: avevo preparato la marmellata a fine giugno, nei primi giorni c’era un retrogusto amarognolo, era un accenno e a metà agosto è scomparso del tutto: ora prevale totalmente il dolce.

    RispondiElimina