Benvenuti nel mio salotto virtuale, un luogo dove posso condividere le mie passioni con chi passa da qui. Si parla di piccole chicche quotidiane, di curiosità lontane e vicine, di storie locali e non solo. Mettetevi comodi e partiamo per un lungo viaggio.

sabato 7 novembre 2015

L’Olivo, il raccolto e al frantoio

Tra giornate solari, o piovose e altri disagi, finalmente siamo riusciti a raccogliere le olive. Non è stato semplice, le piantine hanno pochi anni, sono piccole e delicate, e rispetto agli anni scorsi, inaspettatamente erano stracolme di olive sane, integre e mature al punto giusto. Abbiamo anticipato il raccolto perché il clima era favorevole e le olive hanno maturato prima del tempo; realmente a pochi chilometri la pioggia ha distrutto interi oliveti, e per molti proprietari l’anticipazione non è stata una scelta ma un obbligo.
La paura delle intemperie hanno accompagnate le giornate nei discorsi quotidiani, e per tale motivo molte famiglie hanno anticipato il lavoro.
Capire il momento giusto per raccogliere le olive non è semplice, il periodo va dal mese di ottobre  a dicembre, e in alcuni casi fino a gennaio; si dovrebbe controllare il frutto che cambia colore che passa dal verde al violaceo fino al nero, ma per forza maggiore si anticipa il raccolto anche per impedire l’invasione della mosca olearia o un improvvisa grandinata. Infatti mentre si lavora, oltre ad esaminare in modo maniacale il cielo, ogni tanto si esamina il terreno alla ricerca di questi fastidiosissimi e malefici insetti.
 
La nostra mascotte
Il sistema che usiamo è la classica brucatura a mano, dovrebbe essere il metodo migliore per ottenere un buon olio di oliva, ma visto che le piante sono di piccole dimensioni e oltretutto con i rami delicati, non ci sono alternative; utilizzare altri sistemi è impensabile, danneggerebbero la pianta compromettendo il raccolto del prossimo anno. La brucatura a mano avrà i suoi vantaggi in termini di qualità del prodotto, ma ha interminabili disaggi, partendo dai rami alti irraggiungibili fino alla lentezza del lavoro.
Tra una lotta e l’altra, tra un ramo irraggiungibile e qualche parola di troppo, con determinazione e con molta pazienza siamo arrivati alla parola “fine raccolto”. Abbiamo lavorato duramente e il risultato finale è stato sorprendente.
Sì sapevamo di avere sotto gli occhi un’ottima annata, ma non avevamo capito fino in fondo quanto la natura ha graziato queste piccole piantine, fino a quando abbiamo letto la ricevuta dell'oleificio.
Sì il 2016 può essere considerato come il primissimo anno di vero raccolto, le piantine crescono bene e portano i frutti tanto attesi. La pessima annata dello scorso anno è alle spalle, e fortunatamente quest'anno il protagonista della dieta mediterranea ha riempito lo scafale della dispensa: la scorta familiare d'olio d'oliva è assicurata.

Al frantoio si fa la fila e durante l'attesa si osservano tutte le fasi per ottenere l’olio d’oliva.
 




 
All’esterno del frantoio si può riconoscere una vecchia macina in pietra.


 
 
 
 
 
Potrebbe interessarti anche la scorsa raccolta delle olive: guarda QUI


Nessun commento:

Posta un commento