Benvenuti nel mio salotto virtuale, un luogo dove posso condividere le mie passioni con chi passa da qui. Si parla di piccole chicche quotidiane, di curiosità lontane e vicine, di storie locali e non solo. Mettetevi comodi e partiamo per un lungo viaggio.

domenica 12 luglio 2015

Il Festival Letterario Gavoese. Anno 2015

Sabato 4 luglio 2015 mi sono svegliata prestissimo: alle h 5,45.
Dovevo raggiungere la Barbagia per seguire il Festival letterario della Sardegna, L’isola delle storie, XII edizione.
Prima della partenza sapevo che il festival era già iniziato, ma non ci pensavo perché mi aspettavano due giorni intensi di incontri letterari, mostre, musica e tante sorprese. Mi sono organizzata con scarpe comode perché dovevo correre da una parte all’altra verso Sant’Antiocru, S’Antana ‘e Susu, Piazza Mesu Bìdda, Binzadònnia e Didòva, e poi anche a Lodine in piazza S. Giorgio. Gavoi apparentemente sembra un piccolo paesino di montagna, ma è un grande Paese perché è riuscito, mattone dopo mattone, a creare dal nulla uno dei festival letterari più importanti e originali della nostra penisola.
Tutti per Guccini
Il primo appuntamento del sabato è stato fissato per le h 9,00 a Lodine, si intitolava “Il mattino ha l’oro in bocca”, e l’oro era ed è l’artista Francesco Guccini in veste di scrittore e il suo amico/collega Loriano Macchiavelli. Abbiamo passato un ora tra risate e divertimento assoluto, e il buonumore non si è mai allontanato. Parlando del loro primo appuntamento, del loro metodo di lavoro a quattro mani, e ricordando la differenza tra i bambini e gli insegnanti di prima e di oggi, sono passati ai vecchi tempi: si è parlato dello sport del piccolo Guccini, quando si rubava, ad esempio la frutta e le patate, non per necessità ma perché “erano più buone”. Ci hanno presentato la Gialdiffa e la “storia” di San Cigolino: una chiacchierata spassosa, e abbiamo riso dall’inizio alla fine. Guccini ci ha svelato che il suo sogno da bambino era quello di diventare scrittore, sogno che rovinò un maestro con la frase a scrivere è un cane, è meglio che lasci perdere”. E poi, c’è stato anche lo spazio per una Carrambata. Mentre Guccini ricordava la sua maestra sarda, la signora Guiso, che voilà si presenta la figlia.
Sabato pomeriggio, invece di seguire Luca Sofri, ho deciso di raggiungere le scuole elementari per incontrare Beatrice Masini, Nadia Terranova e Licia Troisi. Le prime due hanno pubblicato libri per ragazzi e hanno tradotto diverse opere: ad esempio la Masini Harry Potter, mentre la Terranova i fumetti tratti dai romanzi di Jane Austen; naturalmente c’è stato anche lo spazio per parlare dei loro ultimi lavori per adulti. L’incontro di Licia Troisi apparentemente sembrava una lezione di astronomia, ma realmente si analizzava come si scelgono i nomi o le storie da inserire nei suoi romanzi Fantasy.
Sculture di carta
Di sera a Sant’Antiocru, alle h 19.30 con “Vicini e lontani”, ho seguito l’incontro con la scrittrice bengalese, una donna cosmopolita: Jhumpa Lahiri. Parlava piano e sottovoce, sembrava severa verso se stessa, ma invece è apparsa come una donna coraggiosa. Sceglie, non per necessità, di “separarsi” dalla sua lingua dominante (l’inglese) per l’italiano. Con il cambio di lingua si chiede “da che cosa sto fuggendo”, normalmente ci separiamo dalla nostra cultura o dalla geografia, ma, anche se con la lingua italiana sente ancora le imperfezioni, c'è stato un sentimento “liberatorio”: è riuscita a scrivere il suo primo romanzo in italiano oltre a leggere da un po’ di tempo solo libri scritti in italiano e sempre staccandosi dall’inglese.
La giornata di sabato si è conclusa alla grande a Sant’Antiocru con lo scrittore Miguel Bonnefoy. Con l’incontro “Storie e altri luoghi” mi ha fatto riflettere la storia di uomini e donne che imparano a leggere e scrivere per imparare a ritrovare il loro Paese o come nelle librerie si presentano per acquistare libri scolastici per il loro figli anche se non conoscono l’alfabeto: riconoscono i libri dalla copertina. Anche qua c’è stato lo spazio per un aneddoto. Dopo che la presentatrice Terranova ha terminato di legge l’ottavo capitolo del suo libro, Miguel Bonnefoy ci racconta che una signora aveva apprezzato la scelta di non inserire nel libro l’ottavo capitolo. Lo scrittore, ignaro della dimenticanza dell’editore, anche se hanno detto che è naturale dimenticarlo visto che il suo protagonista si chiamava Octavio, inserisce il capitolo mancante.   
Domenica mattina “Dal balcone” a S’Antana ‘e Susu dovevamo incontrare Daria Bignardi , ma per motivi di salute è dovuta partire e al suo posto ci ha fatto compagnia Nadia Terranova che ci ha parlato del suo ultimo libro.
Domenica pomeriggio, al giardino comunale a Binzadònnia, nell'incontro intitolato “Reading”, c'era Teresa De Sio, e ho sentito quello che volevo sentire: non abbondonerà la musica per la scrittura; anzi, ad una domanda di Marcello Fois risponde che non ha annullato la musica ma l’ha liberata e l’ha alleggerita perché prima doveva dire tutto solo nelle canzoni. Ad un’altra domanda su come riconoscere la musica da un romanzo, risponde con il suo accento caratteristico: “se ho una chitarra in mano ho una canzone, se non ho una chitarra ho un romanzo”. E sì non abbandonerà la musica.

Nadia Terranova intervista: Macchiavelli, Guccini e la signora Guiso
Caterina Bonvicini intervista Jhumpa Lahiri
"Dal Balcone" Gisella Vacca legge "Eduardo Galeano"
Marcello Fois intervista Teresa De Sio
Mario Faticoni legge "Sergio Atzeni"
L'incontro con Beatrice Masini e Nadia Terranova
Roberta Balestrucci intervista Licia Troisi
Terranova intervista Miguel Bonnefoy


Il preludio musicale del Festival




Le Mostre del Festival

Sculture di carta

Mostra fotografica all'aperto: "Paesani"


La mostra dei bambini



Mostra fotografica sul Kurdistan


2 commenti:

  1. Praticamente c'era il mondo, raga

    Lorenzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Praticamente è un’opportunità per stare tutti assieme, e Gavoi ci offre un ciclo di incontri culturali da cogliere e da diffondere… Ciao

      Elimina