Benvenuti nel mio salotto virtuale, un luogo dove posso condividere le mie passioni con chi passa da qui. Si parla di piccole chicche quotidiane, di curiosità lontane e vicine, di storie locali e non solo. Mettetevi comodi e partiamo per un lungo viaggio.

lunedì 29 dicembre 2014

Aspettando il Capodanno in compagnia di Hollywood Party

Se non sopportiamo le feste natalizie, le vacanze a cavallo tra il vecchio e il nuovo anno, ma amiamo le commedie, tipo i film anni sessanta con attori del calibro di Peter Sellers, possiamo accendere il computer oppure un comunissimo lettore e inserire il DVD del film Hollywood Party. La comicità di Peter Sellers è intramontabile ed è un vero piacere rivederlo. E’ un film spassoso da guardare in compagnia oppure anche in solitudine, perché, una cosa è sicura, il divertimento ci accompagnerà per tutta la serata. Il personaggio più importante e centrale della commedia è Hrundi V. Bakshi, un attore indiano chiamato per una comparsa in un film in costume a Hollywood. La particolarità dell’attore è la sua goffaggine e particolarmente la sbadataggine che porterà alla catastrofe l’intero set cinematografico, riesce in un colpo solo a far esplodere una parte della scena perché doveva allacciarsi le scarpe, pensò di mettere i piedi nel posto sbagliato. Senza indugio, il regista, esausto degli incidenti causati da Bakshi, telefona al produttore per licenziarlo, ma questo per errore inserisce il nome dell’attore nella lista sbagliata: quella degli invitati al party hollywoodiano organizzato proprio dal produttore del film. Durante la festa, l’imbranato Bakshi, tra una sbadataggine ed un'altra, combinerà dei guai tali da rovinare la serata a tutti gli invitati. Tra un caos ed un altro provocato dall’attore, ormai senza lavoro e in cerca di divertimento, c’è il posto anche per le scene spassose degli altri personaggi, come: il cameriere che si scola tutti i bicchierini di liquore lasciati dagli invitati, una bionda ugualmente alticcia che pomicia col cameriere, il cuoco che cerca di ammazzare il cameriere, i malori della moglie del produttore, i musicisti costretti a suonare in mezzo alla schiuma, la cantante francese accompagnata alla festa dal regista del film apparentemente distante dalle regole dei salotti hollywoodiani, e infine, la ciliegina sulla torta, la figlia del produttore che porta alla festa i suoi amici e un elefante imbrattato come un hippie. Sicuramente, chi asseconda i guai di Bakshi e di riflesso tutti gli altri personaggi è l’arredo della villa: un bancone da bar che si muove e sparisce dalla scena, un piccolo fiumiciattolo che attraversa il salone principale, una fontana molto particolare e alcuni aggeggi che servono per far funzionare gli impianti della villa.
 
Scheda del film
Titolo: Hollywood Party;
Regista: Blake Edwards;
Scenografia: Fernando Carrere;
Fotografia: Lucien Ballard;
Musiche: Henry Mancini,
Anno: 1968;
Genere: commedia;
Durata: circa 95 minuti;
Paese: USA; 
Cast: Peter Sellers (Hrundi V. Bakshi), Claudine Longet (Michele Monet), Herbert Ellis ( il regista), Jean Carson (Nanny), Allen Jung (il cuoco), Steve Franken (il cameriere Levinson), Marge Champion (Rosalind Dunphy);
Doppiatori: Giuseppe Rinaldi (Bakshi), Maria Pia Di Meo (Michele), Oreste Lionello (Levinson).


 

  

 




  
Il Trailer in lingua originale 

   Immagini tratte dal web

3 commenti:

  1. Film spassosissimo; e una delle mie gag preferite è quella del pannello di controllo della villa che utilizza in modo maldestro

    Lorenzo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È uno dei film più divertenti di Peter Sellers. Altro personaggio divertentissimo è il cameriere…mitica la sua camminata

      Elimina
    2. Spassoso è anche l'altro cameriere che tenta di uccidere il cameriere ubriaco; mi ricorda troppo un altro film di peter sellers: la pantera rosa(il capo ispettore Dreyfus che tenta di uccidere il protagonista)

      Lorenzo

      Elimina