Benvenuti nel mio salotto virtuale, un luogo dove posso condividere le mie passioni con chi passa da qui. Si parla di piccole chicche quotidiane, di curiosità lontane e vicine, di storie locali e non solo. Mettetevi comodi e partiamo per un lungo viaggio.

giovedì 11 agosto 2016

Passeggiando per le vie di Crucuriga

Nel momento in cui una persona è in vena di passeggiate, con una buona dose di spensieratezza e con la testa leggera, senza una destinazione programmata anticipatamente, può imbattersi casualmente in luoghi inesplorati.
Passeggiando per le vie della collina di Crucuriga, passo dopo passo, piano piano, facendo due passi in mezzo alle erbacce e ai cespugli, casualmente si può esplorare senza accorgersi e senza intuire cosa si sta calpestando, un sito archeologico, un bene dichiarato di particola interesse archeologico, ignorato da troppo tempo da chi dovrebbe garantire una buona dose di finanziamento per incominciare lo studio del territorio.
Il suolo del Monte Crucuriga, così si chiama la collina, situato nel cuore del Sarcidano, nel Comune di Nurallao, è di tipo calcareo, ci sono piante, sterpaglie e una fitta vegetazione non custodita e, nascosto tra i cespugli, sommerso dalle erbacce, c’è un territorio, un suolo calcareo lavorato e scavato interamente dall’uomo molti secoli fa (l’età esatta è incerta).
Nella roccia calcarea sono state ricavate delle canalette intercomunicanti tra di loro, si possono osservare delle piccole “vaschette” dalla forma circolare o rettangolare con scalfitture dal  significato sconosciuto perché ancora oggi il sito non è stato oggetto di studio.
Le ipotesi sono varie, per alcuni ci potrebbero essere delle tracce per far scorrere dell’acqua, o un luogo per sacrifici umani, e c’è chi pensa di pulire il sito dalle erbacce per osservarlo meglio perché sembra che ci sia una certa somiglianza tra ciò che è stato inciso con la posizione degli astri, e quindi potrebbe essere un osservatorio astronomico.
Ma con un semplice taccuino le approssimazioni sono visibili a occhio nudo, perché sono espresse da chi non è cultore della materie, e senza un’accurata osservazione da parte degli archeologi, è impensabile conoscere correttamente il significato delle incisioni scolpite dall’uomo o inquadrare l’età esatta del sito archeologico senza un preciso rilievo.

 
Aspettando i ricercatori specializzati del settore archeologico, guardiamo vecchie foto scattate un paio di anni fa con un vecchio cellulare, e con gli occhi osserviamo le canalette e le vaschette scolpite nella roccia dall’uomo.
 
 





 



 
 






 
 

Nessun commento:

Posta un commento