Benvenuti nel mio salotto virtuale, un luogo dove posso condividere le mie passioni con chi passa da qui. Si parla di piccole chicche quotidiane, di curiosità lontane e vicine, di storie locali e non solo. Mettetevi comodi e partiamo per un lungo viaggio.

mercoledì 23 dicembre 2015

Il bicentenario di Emma

“Emma Woodhouse, avvenente, intelligente e ricca, con una casa provvista di ogni agio e un’indole felice, pareva riunire in sé alcuni dei migliori vantaggi dell’esistenza; ed era vissuta circa ventun anni nel mondo senza quali conoscere dispiaceri o contrarietà”
 
Sono le prime righe del romanzo Emma, scritte dalla penna di Jane Austen, che pubblicò in tre volumi il 23/12/1815 con frontespizio datato 1816: calcolando ha ben 200 anni.
Con queste poche righe iniziamo a conoscere il carattere della protagonista: bella,  ricca e intelligente, che non ha bisogno di lavorare o di cercare una buona posizione sociale e, a differenze delle sue coetanee, non ha intenzione di convolare a nozze. Così si espresse durante una conversazione con la sua amica Harriet:
 
se dovessi sposarmi, dovrei prepararmi a pentirmene (…) credo che poche donne maritate son per metà padrone a casa dei loro mariti di quanto lo sono io a Hartfiel” pag. 63
 
La stesura del libro iniziò il 21 gennaio del 1814 e terminò l’anno successivo, il 29 marzo 1815 e, consegnato all’editore John Murray, fondatore della rivista letteraria Quarterly Review, lo pubblicarono a spese dell’autrice con una tiratura di duemila copie ad un prezzo di una ghinea (21 scellini), e dopo circa 5 anni ne rimasero 539 che vendettero ad un prezzo stracciato di 2 scellini.
 
Su sollecitazione del reverendo Clarke, un bibliotecario di Carlton House, Jane Austen lo dedicò al Principe Reggente:
 
Sua Altezza Reale/ il Principe Reggente/ quest’opera/ con il consenso di sua Altezza Reale/ è rispettivamente dedicata/ dal suo devoto ed umile servo/  l’Autore
 
Realmente il bibliotecario non volle un romanzo come lo conosciamo, ma insistette per un libro storico da ambientare nella casa regnante. L’idea del bibliotecario non andò in porto perché sul nascere la stessa scrittrice bocciò l’insistenza del reverendo.
 
La figura di Emma è lontana dagli altri romanzi, ma Jane Austen la ritenne un personaggio da amare e che sarebbe piaciuto solo a lei, infatti disse:
 
 “sono andata a scegliermi un’eroina che nessuno tranne me potrebbe amare”
 
La scrittrice capì l’impegno del lettore per apprezzare al meglio la figura di Emma, all’inizio della lettura può sembrare la classica figlia borghese noiosa, snob, viziata ed egoista, in seguito si scoprono i suo limiti e la sua umiltà. Emma appare antipatica per il suo carattere, inoltre guarda tutti dall’alto al basso e ama combinare matrimoni e dare consigli: è troppo altezzosa per essere amata, finanche scopriamo che ci sbatte il muso.
 
Allo scopo di capire meglio la scrittura dell’Austen si può dare uno sguardo ad una frase di Giuseppe di Lampedusa:
 
la Austen è uno di quegli scrittori che richiedono di esser letti lentamente: un attimo di distrazione può far trascurare una frase che ha un'importanza primaria: arte di sfumature, arte ambigua sotto l'apparente semplicità
 
 
Scheda del mio libro:
Titolo: Emma;
Autrice: Jane Austen;
Lingua originale: inglese;
Traduttore: Mario Praz;
Casa editrice: Garzanti libri;
Collana: i grandi libri;
Genere: romanzo;
Pagine: XVII-367;
Anno: 2008;
Prezzo di copertina: 9,00 euro;
Copertina: A scene in Leigh Woods di Francis Danby (1822).
 
 
 
Potrebbe interessarti anche un altro bicentenario:
Mansfield Park, leggi QUI


Nessun commento:

Posta un commento