Benvenuti nel mio salotto virtuale, un luogo dove posso condividere le mie passioni con chi passa da qui. Si parla di piccole chicche quotidiane, di curiosità lontane e vicine, di storie locali e non solo. Mettetevi comodi e partiamo per un lungo viaggio.

giovedì 17 dicembre 2015

Dicembre letterario. Incontro con gli autori

L’inverno si fa sentire, le temperature sono decisamente basse, e nonostante ciò, invece di rinchiudermi tra le mura domestiche davanti al caminetto acceso, ho preferito conoscere nuove storie e seguire la manifestazione culturale “Dicembre letterario, incontro con gli autori”.
L’incontro con gli autori è stato organizzato in un piccolo paese del Sarcidano, a Nurallao (CA), e non è la prima volta. Nei mesi scorsi sono stati organizzati altre iniziative per parlare e discutere di muttetus, inciascus, poesie, libri e altro ancora di diverso genere.
In questi incontri si analizzano la struttura, la costruzione e la riscoperta della poesia nurallaese, e si presentano libri di autori locali. Domenica scorsa sono stati presentati due libri: uno di poesie e un saggio.
 


  

Il primo libro, presentato da Giovanna Casapollo, insegnante in pensione e autrice di “Una prof qualunque” e “Ali di Velluto”, si intitola “I sentieri dell’anima” ed è stato scritto da Pietro Pani.
Il poeta e commerciante, dopo circa 25 anni, ha ripreso carta e penna e ha ricominciato a scrivere poesie in lingua italiana e in sardo. Come è stato evidenziato da Giovanna Casapollo, i temi predominanti delle poesie di Pietro Pani, riguardano la natura: la luna, gli alberi, la notte, l’arcobaleno, le nuvole e le stelle.
Nelle poesie si scorgono i ricordi e l'immagine della madre (Sarai un attimo eterno, mamma, 8 maggio 2014) e del suo Paese (Mi pranghet su coro oh Nuradda mia), si percorre con la mente luoghi non ancora visitati (Il treno per Istanbul), e i drammi dei bambini in difficoltà provocate dalle guerre (Bambino di Gaza).
Alcune poesie sono state lette dall’insegnante Mariolina Sionis e abbiamo sentito in primo piano lo stile di Pietro Pani.
 
Il secondo libro, presentato da Franco Sionis, è stato scritto da Elia Pili e si intitola “L’isola del profeta”.
Elia Pili, insegnante in pensione e sindaco del Comune di Nuragus per diversi mandati,  non è la prima volta  che ci presenta un suo lavoro.
Nel precedente libro “Nuragus capitale dei Valentini” rivive la storia e la cultura della città di Valenza, mentre nel suo ultimo lavoro indaga sulle radici del profeta Elia in Sardegna, in particolare nel Sarcidano.
L’isola del profeta non è un libro per religiosi o per catechisti inoltre, studiando  su diversi materiali e atti ufficiali ritrovati nel comune di Nuragus e nei paesi limitrofi, e indagando sulle origini del Profeta, Elia Pili trova interessanti tracce di collegamento con la cultura bizantina in Sardegna.
Sviluppando nei primi capitoli del libro questioni relative alla dominazione bizantina nell’isola, ricostruisce il culto del profeta Elia, e accostando due periodi storici apparentemente distanti, indaga su una delle figure più divinizzate del suo Paese: Nuragus.
 
La manifestazione culturale “Dicembre letterario” è stata ideata da Giovanna Casapollo e da Mariolina Sionis con la collaborazione della Pro Loco e del Comune di Nurallao; l’incontro letterario si è svolto presso la sala parrocchiale del comune di Nurallao domenica 13/12/2015.
 
 
Potrebbero interessarti anche gli altri incontri culturali:

Musica con poesia,
Sa bidda de is frascus,
Appuntamento del 1/3/2015. Poesia, Muttetus e Inciascus,
Il cavallo del Sarcidano tra storia e tradizione.
 

Nessun commento:

Posta un commento