Benvenuti nel mio salotto virtuale, un luogo dove posso condividere le mie passioni con chi passa da qui. Si parla di piccole chicche quotidiane, di curiosità lontane e vicine, di storie locali e non solo. Mettetevi comodi e partiamo per un lungo viaggio.

mercoledì 9 luglio 2014

Il Festival Letterario della Sardegna

L’ultima edizione dell’Isola delle Storie, il Festival Letterario di Gavoi, si è concluso domenica 6 luglio e confesso di avere nostalgia della cricca barbaricina. Come tutti gli anni nella mia mente conservo il calore delle persone che incontro per le vie di Gavoi, strette di mano con persone che non conoscevo o che non vedevo da anni, per non parlare delle risate, delle sorprese e delle visite inattese: si leggeva negli occhi delle persone il piacere di essere li. Non sono riuscita a seguirlo tutto, sono arrivata sabato mattina, tuttavia questo non mi ha impedito di recuperare. Ogni anno desidero vedere il più possibile, ma il programma è fittissimo ed è impossibile seguire tutti gli appuntamenti. Conoscendo bene il territorio riesco ad organizzarmi, corro tranquillamente da una parte all’altra senza difficoltà verso Sant’Antiocru, Binzadònnia, Piazza Mesubìdda, S’Antana ‘E Susu e Didòva. Quest’anno c’è stato lo spazio anche per la trasferta a Lodine al Belvedere in Piazza San Giorgio: l’appuntamento era domenica alle 9.45 alla rotonda per prendere la navetta “dell’armata dei sonnambuli” per ascoltare i Wu Ming.

dal balcone: s'antana 'e susu
Nel taccuino trascrivo gli appuntamenti  più entusiasmanti:
"Mezzogiorno di fuoco" a Sant’Antiocru, scottava di presenze: sabato, Stefano Tura ci ha presentato Chiara Valeri e Vincenzo Latronico mentre domenica, ci ha guidato dentro “La Meccanica del Bello” con Antonio Marras e Flavio Manzoni.
"Reading" a Binzadònnia al giardino comunale scottava parecchio con la lezione di Matteo Bianchi con “Esordienti: gli errori da non fare”, ci ha insegnato cosa fare o non fare quando un esordiente invia a un editor un email o romanzi da pubblicare; non posso dimenticare l’incontro con Gioele Dix, con “Quando tutto sarà finito” ci ha parlato di quando non era nato: raccontando del periodo delle leggi razziali e della guerra abbiamo conosciuto i drammi della sua famiglia.

Stefano Tura
intervista
 Antonio Marras
E’ stata una sorpresa conoscere la scrittrice islandese Audur Ava Olafsdòttir, con il suo perfetto italiano ci ha parlato della sua Isola, ci ha presentato, con la traduzione di Weber, il suo ultimo lavoro “L’eccezione” senza dimenticare le altre opere “Rosa Candida” e “La donna è un’isola”.

Lo scrittore Fabio Stassi non si può scordare, i suoi racconti mi hanno divertito, si è parlato della sua Sicilia, di emigrazione, di bugie e tanto altro.

L’incontro che mi ha entusiasmato di meno è stato sabato alle ore 22.30 a Sant’Antiocru con lo scrittore lituano Sigitas Parulskis, un uomo glaciale (aveva finito le parole a mezzogiorno), nonostante ciò ho preso ugualmente il suo unico libro tradotto in italiano perché voglio conoscere il più importante scrittore della Lituania, anche se è stato avaro di informazioni: è stata un’occasione persa per conoscere la letteratura e la storia del suo Paese.

Attraversando le vie del Paese si potevano visitare diverse mostre.
La mostra
 "i collage di Szymborska"
A Casa Maoddi, in via Sant’Antioco, sono riuscita a vedere la mostra “L’Isola dei tessuti” curata da MURATS, il Museo Unico Regionale dell’Arte Tessile Sarda: sono stati esposti dei tappeti antichi. Al Museo Comunale, in via Margherita, c’erano due mostre: al primo piano c’era la mostra curata da Sebastian Kudas sui collage di Wislawa Szymborska, premio Nobel per la letteratura nel 1996 (per la realizzazione hanno collaborato l’Istituto Polacco di Roma e la Fondazione Szymborska); al secondo piano c’era la mostra fotografica “Orizzonte in Italia” su un viaggio compiuto in bicicletta da Antonio Rovaldi.

Prima di chiudere il post voglio abbracciare tutti i volontari: il Festival esiste e si rinnova l'appuntamento da 11 anni perché ci sono loro.

Adesso spazio alle immagini…
 


Stefano Tura intervista Chiara Valerio e Vincenzo Latronico

Vincenzo Latronico intervista Fabio Stassi

Giorgio Vasta intervista Audour Ava Olafsdòttir, traduce J. S. Weber


M. Fois intervista Sigitas Parulskis e Susanne Scholl, traduce Irina Dvizova

Giorgia Senesi legge per noi

Chiara Valerio intervista Wu Ming

Elvira Serra intervista Gioele Dix


Ogni incontro era preceduto da un preludio musicale





4 commenti:

  1. Bellissimo reportage, grazie! Che sogno sarebbe partecipare a questo suggestivo festival...peccato che io non sia molto appassionata di letteratura contemporanea e conosco solo alcuni degli autori che hanno partecipato e per di più solo per nome! Magari un fine settimana a Gavoi potrebbe avvicinarmi alla letteratura contemporanea...ma stand gastronomici niente???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si parla solo di letteratura, ci sono anche mostre, spettacoli, film, musica e il festival dei bambini. Io sono riuscita a vedere solo una parte del festival: è impossibile seguire tutti gli appuntamenti. Inoltre ci sono i negozi aperti, in ogni angolo trovi banconi-tavolini al coperto o all’aperto per mangiare e bere...e spazi per gli acquisti di ogni tipo…. Grazie dei complimenti. Ciao

      Elimina
  2. Grazie per avermi invitato, bell'articolo. Se vi interessa vedere altre informazioni sul festival le trovate anche sul mio blog. Grazie Innassia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta @Cristiana. Grazie a te di essere passata qui. Ho letto i tuoi post, molto interessante “l’alfabeto dei sentimenti”. La mostra che indichi ha affascinato tutti.
      Torna a trovarmi. Ciao

      Elimina